La Juve vince soffrendo contro una buona Udinese

 

http://it.eurosport.com/calcio/serie-a/2016-2017/le-pagelle-di-juventus-udinese-2-1_sto5913762/story.shtml

http://it.eurosport.com/calcio/serie-a/2016-2017/le-pagelle-di-juventus-udinese-2-1_sto5913762/story.shtml

 

Vittoria sofferta e meritata quella ottenuta dalla Juventus contro l’Udinese, una vittoria importante visto che era la prima gara dopo la sosta delle nazionali, aspetto che aumenta le difficoltà che si vanno ad incontrare.

Una Juventus che ha iniziato la gara bene, riuscendo, dopo 1 minuto, a creare la prima occasione da goal con Dybala (5 tiri totali, 3 in porta tra i quali i 2 goal).

 

Statszone

L’argentino è stato il migliore in campo, sempre presente nel gioco, con il suo classico movimento a scendere per ricevere palla e, con i suoi dribbling (100%) e le qualità nei passaggi (88% di precisione, 28/32) oltre al suo contributo in fase di non possesso con i 6 palloni recuperati.

Il #21 è stato quindi determinante per avere la meglio di un Udinese che, al contrario delle aspettative, non ha solo cercato di difendersi con ordine (riuscendoci molto bene) ma ha anche cercato di mettere in difficoltà la Juventus , andandola a disturbare in fase di costruzione del gioco, atteggiamento che a portato al goal del vantaggio di Jankto, nato da una palla persa da Hernanes e da una pressione portata dall’Udinese in maniera ottimale.

 

 

Cattura

 

Questo atteggiamento dei friulani è stato sicuramente avvantaggiato da quello della Juve che, esclusi i primi 10 minuti, ha poi tenuto un ritmo partita troppo basso, concedendo la gestione della sfera all’Udinese e riuscendo poche volte ad affacciarsi nei pressi dell’area di rigore avversaria, complice anche un giro palla troppo lento che consentiva ai friulani di organizzarsi per tempo e non concedere spazi occuoando ottimaente il campo in ampiezzae chiudendo molto bene le linee di passaggio.

Quando i Campioni d’Italia, subito lo svantaggio, hanno cercato di cambiare faccia al match aumentando la velocità delle giocate (prima del vantaggio Udinese 5 tiri e solo 1 in porta. Dopo lo svantaggio, fino al 45′, 5 tiri, 1 goal e 3 in porta.) si sono guadagnati, con Mario Lemina, la punizione dal limite dell’area poi trasformata magistralmente in goal da Paulo Dybala.

Nella ripresa l’approccio al match della Juventus è stato totalmente diverso, più aggressiva (dal 45′ al 60′ 4tiri, 2 occasioni create, 71% di tackles vinti e 67% di duelli aerei vinti) con una velocità di manovra maggiore e una soluzione tattica che ha visto Cuadrado spostato sulla sinistra a giocare nell’ half space tra terzino e centrale, mentre Dybala giostrava sulla sinistra.

 

Cattura 4

 

Da una combinazione tra il terzino brasiliano e il colombiano è nato il rigore che poi, trasformato da Dybala, ha sancito la vittoria finale.

Nonostante lo svantaggio e le occasioni che la Juventus ha avuto, e sprecato, per andare sul 3-1(3 occasioni create e 4 tiri)  l’Udinese non si è disunita e ha continuato a sviluppare la sua idea di gioco, andando vicino, soprattutto nel finale di partita, al pareggio con Thereau e con Zapata.

Una vittoria sofferta che permette alla Juve di Allegri di restare in vetta alla classifica a +5 sulla Roma, vittoriosa ieri pomeriggio contro il Napoli, permettendole di preparare con più serenità la gara, importantissima, che giocherà mercoledì a Lione in Champions.

L’Udinese esce sconfitta dallo Juventus Stadium ma solo dal punto di vista del risultato perchè, l’atteggiamento mostrato oltre all’ordine tattico, possono fan ben sperare Delneri, società e tifosi.

La rosa è di qualità e, continuando sulla strada tracciata ieri sera, potrà sicuramente risollevarsi in campionato e occupare posizioni in classifica più consone alla sua realtà.

Nizzotti Roberto

FONTE: www.squawka.com / app StatsZone

IMMAGINI: https://www.youtube.com/watch?v=Xp4Pu8YaX_s